Linfedema degli arti inferiori

09/11/2018

Il linfedema  degli arti inferiori, causato da una disfunzione del sistema linfatico, è responsabile di disagi e di rischi di complicanze cutanee. È necessario seguire una terapia con drenaggio manuale e compressione dell'arto affetto.

Il linfedema degli arti inferiori è causato da un rallentamento o da un blocco della linfa che circola nel sistema linfatico. Il ristagno della linfa provoca un aumento del volume dell'arto, localizzato o diffuso, e una modifica del tessuto sottocutaneo. L'arto si gonfia facendo sparire le sporgenze ossee del ginocchio o della caviglia. Nei casi più gravi il linfedema può essere accompagnato da problemi dermatologici e da ingiallimento delle unghie dei piedi.

Linfedema primario o secondario

A seconda  della modalità di comparsa, si distinguono due tipi di linfedema:
 

  • linfedema primario degli arti inferiori. È presente alla nascita o appare nell'adulto giovane, spesso dopo un trauma leggero, come una distorsione, un colpo, una puntura d'insetto. Colpisce generalmente i due arti
  • linfedema secondario. Indica la presenza di una disfunzione acquisita del sistema linfatico e può essere conseguente ad un intervento chirurgico per la cura di un cancro della zona pelvica (collo dell'utero, ovaia, prostata, vescica, retto, ecc.) o ad un'infezione. In questo caso colpisce uno dei due arti.

Una terapia attiva per ritrovare la mobilità

La terapia relativa al linfedema degli arti inferiori consiste nel bendaggio e nel drenaggio manuale (massaggio delle zone colpite dal ristagno di linfa) praticato da un fisioterapista. È necessario l’impiego a lungo termine di un'ortesi compressiva: calzini, calze a metà coscia o collant, a seconda del caso. 
La terapia è completata da uno stile di vita appropriato (attività fisica leggera, gestione del peso) e da trattamenti per la pelle, che permettono di ridurre i rischi di aggravamento del linfedema e delle infezioni (erisipela) o dei vasi linfatici (linfangite). Eccezionalmente, nei casi più gravi o se tutte le terapie si dimostrano inefficaci, può essere praticato un intervento chirurgico.

Fonti
La compression médicale dans le traitement du lymphoedème, 2010 J.-C. Ferrandez, S. Theys : Lymphoedèmes des membres inférieurs - Doi : 10.1016/S0292-062X(11)57020-5 Bongard O : Lymphoedème des membres inférieurs. Le point de vue de l'angiologue Rev Med Suisse 2002; volume -2. 22155 Item 323 : Oedèmes des membres inférieurs. Collège des Enseignants de Médecine vasculaire et Chirurgie vasculaire, 2010-2011